NO AGLI ANIMALI AL CIRCO

 

c.a. della Sindaca del Comune di Quartucciu Lalla Pulga

p.c. agli Assessori – Capi Gruppo – Consiglieri Comunali

OGGETTO: MOZIONE CONTRO L’USO DI ANIMALI NEI CIRCHI

PREMESSO CHE

 

Il circo è un’arte antica che merita di essere difesa e tramandata, ma non più impiegando  animali selvatici ed esotici. Non a caso il circo di maggior successo a livello mondiale è animato soltanto dall’abilità di acrobati, giocolieri e clown, che è giunto il momento di ridare la loro dignità agli animali, lasciandoli vivere nel loro habitat, mentre il circo deve continuare ad esistere usando solo risorse e sinergie umane.

Le condizioni di detenzione degli animali nei circhi vengono identificate come non idonee anche da riconosciute autorità scientifiche. La British Veterinary Association non ritiene che i bisogni relativi al benessere degli animali selvatici/esotici possano essere soddisfatti nell’ambiente dei circhi itineranti; in linea con quanto affermato, sempre più paesi nel mondo hanno aderito al bando degli animali dai circhi, un numero in continua crescita anche in Europa;

CONSIDERATO CHE

l’articolo 9 della legge 18 marzo 1968. n. 337 (Disposizioni sui circhi equestri e sullo spettacolo viaggiante) prescrive ai comuni di compilare un elenco delle aree disponibili per le installazioni dei circhi, delle attività dello spettacolo viaggiante e dei parchi di divertimento e conferisce al regolamento comunale la competenza a concedere suddette aree;

la Dichiarazione universale dei diritti degli animali proclamata il 27 gennaio 1978 a Bruxelles, all’articolo 4 recita: “Ogni animale che appartiene a una specie selvaggia ha il diritto di vivere libero nel suo ambiente naturale terrestre, aereo o acquatico e ha il diritto di riprodursi; ogni privazione di libertà, anche se a fini educativi, è contraria a questo diritto”, e all’articolo 10: “nessun animale deve essere usato per il divertimento dell’uomo; le esibizioni di animali e gli spettacoli che utilizzano degli animali sono incompatibili con la dignità dell’animale”;

la legge 20 luglio 2004, n. 189 (Disposizioni concernenti il divieto del maltrattamento degli animali, nonché di impegno degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate) punisce chiunque maltratti gli animali, anche contravvenendo alle loro caratteristiche etologiche.

RILEVATO CHE

molte amministrazioni comunali hanno approvato apposito regolamento per le attività di spettacolo viaggiante, disponendo che nel territorio comunale non siano più accolti spettacoli di intrattenimento pubblico o privato con uso di animali di specie selvatiche ed esotiche individuate dalla CITES; ( Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione )

il consigliere del Movimento Cittadino Civico 5 Stelle di Quartucciu

CHIEDE

L’IMPEGNO DEL SINDACO E DELLALA GIUNTA COMUNALE

  • A non rilasciare autorizzazioni sul territorio di Quartucciu per spettacoli circensi in cui si usano e si sfruttano, contro natura, gli animali;
  • A sollecitare il governo a vietare, con legge statale, l’uso di animali negli spettacoli circensi in Italia (“come già accade in altri Stati, compresi Inghilterra e Francia”);
  • A sollecitare lo Stato a concedere i contributi statali per i circhi solo nel caso essi non usino animali;
  • A creare le condizioni affinché tutta la popolazione venga meglio informata sulla materia e venga sensibilizzata tutta l’opinione pubblica a disertare spettacoli che fruttano gli animali;
  • A modificare di conseguenza le condizioni di attendamento circhi all’interno del regolamento per la tutela degli animali.

Quartucciu, 27 Maggio 2015

il consigliere comunale del” Gruppo Civico 5 Stelle di Quartucciu ”

Bruno Flavio Martingano

MOZIONE NO ANIMALI NEL CIRCO 003 MOZIONE NO ANIMALI NEL CIRCO 004

COMITATO NO NUCLE : COMUNICATO STAMPA

                             A TUTTI GLI ORGANI DI INFORMAZIONE 

Conferenza stampa di presentazione della

NONUCLE-DIE, NONUCLE-DAY 7 giugno

Venerdì 22 ore 10.30 a Cagliari sotto i portici Regione Sardegna, Via Roma 

Il Coordinamento comitados NONUCLE-NOSCORIE, riunitosi il 17/05/2015 ad Oristano, convoca per venerdì 22 una conferenza stampa per presentare la NONUCLE – DIE, evento che chiamerà tutti i sardi, le istituzioni, la chiesa, gli emigrati, i sindacati, le associazioni di volontariato ad una manifestazione di esistenza contro il pericolo delle Scorie Radioattive che incombe sulla Sardegna.

Tutti gli amici giornalisti sono invitati a partecipare per raccogliere l’appello del comitato e darne comunicazione a tutti i sardi residenti e a quelli dell’emigrazione.

 

ORGANIZZA IL COORDINAMENTO NONUCLE-NOSCORIE

Coordinamento NONUCLE-NOSCORIE – Tel. 3487815084 – 3477255895

Email nonucle@tiscali.itcomitatosardonoscorie@gamil.com

 

Oristano 17/05-2015

QUARTUCCIU: L’ADDIO DI DON CANNAVERA AL CARCERE MINORILE

Don Ettore Cannavera dopo 23 anni lascia il carcere minorile di Quartucciu.
Concordo pienamente con le dichiarazioni dell’ ormai ex cappellano del carcere minorile presente sul nostro territorio ( unico in Sardegna )
” Il carcere non ha una impostazione educativa , ma una impostazione contenitiva ”
Ha pienamente ragione , il ragionamento è da estendere a livello nazionale .
Per ascoltare le dichiarazioni di Don Cannavera minuto 10:00 dell’edizione del Tg regionale delle ore 14:00

http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/basic/PublishingBlock-c9be07a1-4453-4cfd-b296-30d47339bd1a.html#

Costo di gestione annuali? €.2.000.000
Pubblico il link dell’articolo da me scritto in seguito alla visita effettuata all’interno dell’istituto nell’autunno del 2013 , Bruno Flavio Martingano

http://civico5stelle.it/visita-al-carcere-minorile-di-quartucciu/

 

 

 

 

CENTRO SPORTIVO LE SERRE QUARTUCCIU

Molti Comuni pagherebbero per avere un centro sportivo come il nostro !!!
E noi?
Questo è lo stato attuale !
Aree verdi? Completamente trascurate.
Area attrezzata con giochi per bambini ? Abbandonata.
Campetto sintetico?
Nessuno vuol fare il portiere. ( altrimenti addio ginocchia )
Le tribune per spettatori ?
Alcune sono abbandonate in mezzo al piazzale e rivolte verso la postazione dei custodi .( cosa ci sarà da guardare ) .
Mura di cinta? Crollate.

IMG_20150510_121454
Cancelli di accesso al campo centrale? Inesistenti.
Pista di atletica? Da ripristinare.
Campo di calcio principale? Erba alta e bottiglie di plastica.
Le reti intorno ai campetti da tennis e pallacanestro ? Da sistemare.

 

 

QUARTUCCIU: MONUMENTI APERTI 2015 PECCATO !!!

unione del 17 maggio 2015

PECCATO: Valorizzare la tomba dei giganti solo per due giorni lasciandola alla mercè dei vandali per il resto dell’anno.
PECCATO: Non poter visitare la chiesa romanica di Sant’ Efisio risalente al XIII secolo all’interno delle mura cimitariali perchè pericolante.
PECCATO: Non poter ammirare dall’interno la bellezza dell’antica casa campidanese Angioni perchè inagibile.
PECCATO: Poter visitare il sito archeologico della necropoli punico -romana di Pill’e Mata con all’interno solo le ” copie dei reperti ” archeolgici.
PECCATO : che il parco urbano Sergio Atzeni, meglio conosciuto come la tazza del cappuccino, sia ancora da terminare e quindi non aperto al pubblico, nonostante l’esborso consistente di fondi comunali derivanti dai soldi di noi Cittadini.
cimitero
PECCATO !!!

NONUCLE DIE – NONUCLE DAY

NONUCLE-DIE, NONUCLE-DAY – POSTICIPATA AL 7 GIUGNO 2015

ASSEMBLEA NATZIONALE Coordinamentu comitados NONUCLE-NOSCORIE

DELIBERE N. 2 – NONUCLE-DAY – INIZIATIVE – FINANZIAMENTO

L’Assemblea Natzionale del Coordinamento comitato NONUCLE-NOSCORIE , riunitosi a Santa Giusta il giorno 11-05-2015 :

PRESO ATTO
– Che la data fissata per la giornata NONUCLE-DIE andava adeguata alle novità acquisite in seguito alle dichiarazioni del Ministro Galletti e alla necessità di produrre il materiale necessario, bandiere, volantini, e gaget, nonché al coinvolgimento dei comuni, della chiesa e delle autorità portuali.
– Che è necessario avere a disposizione il materiale di propaganda nel più breve tempo possibile e che occorrono i finanziamenti necessari.
– Delle proposte di organizzazione emerse nell’assemblea.

DELIBERA
– Di convocare la NONUCLE-DIE , NONUCLE-DAY per tutta la giornata di domenica 7 giugno a partire dalle ore 9.30, per il momento in 5 piazze delle città di Cagliari, Sassari, Nuoro, Oristano e Olbia, con modalità ed orari che verranno decisi in un prossima riunione esecutiva.
– Di acquistare subito almeno 500 bandiere e a tal fine chiedere il contributo di almeno 10 euro ai 380 iscritti la comitato.
– Di nominare tesoriere del comitato la iscritta Francesca Frigau che istituirà a suo nome un postepay che andrà a sostituire quella in scadenza intestata a Bustianu Cumpostu.
– Che il simbolo riportato nelle bandiere e in tutto il materiale prodotto dal comitato sarà quello riprodotto sugli attuali pieghevoli, a firma del Coordinamentu Comitados NONUCLE-NOSCORIE.
– Di coprire quante più piazze possibili con iniziative di informazione, presentazioni, banchetti, volantinaggi.
– Di chiedere per tutti i materiali da produrre i relativi preventivi.
– Di chiedere contributi a tutti gli eletti sardi ESCLUSIVAMENTE A NOME E PER CONTO DEL COMITATO NONUCLE-NOSCORIE.

NONUCLE-DIE – PROPOSTE DI ARTICOLAZIONE

ATTO DI ESISTENZA SARDA ALLE ORE 11 DEL GIORNO 7 GIUGNO
PRENUCLE-DIE 6 GIUGNO
– Chiedere a tutti gli studenti delle scuole medie e superiori e tutti gli universitari di preannunciare la NONUCLE-DIE sincronizzando la sveglia dei propri cellulari alle ore 11 del giorno 6 giugno, con o senza il consenso dei presidi.
NONUCLE-DIE 7 GIUGNO
– Sincronizzare la sveglia dei cellulari di tutti i sardi in Sardegna e nel Mondo alle ore 11 del giorno 7 giugno.
– Chiamata dei sardi: convergere dalle ore 10 in 5 piazze delle città di Cagliari, Sassari, Nuoro, Oristano e Olbia.
– Al suono delle suonerie, di una sirena, delle campane, in ciascuna piazza, alle ore tutti i partecipanti faranno un atto simbolico, che potrebbe essere lo stesso del 2003, sdraiarsi per terra fino al secondo suono di sirena, dopo 3 o 5 minuti.
– Chiedere ai circoli degli emigrati sardi di tutto il mondo di ripetere lo stesso atto simbolico alla stessa ora, tenendo conto dei fusi orari.
– Esposizione per tutto il giorno delle bandire nei municipi, nelle province, in regione e nelle case che vorranno aderire.
– Chiedere alla chiesa sarda, ai parroci e ai vescovi si suonare le campane per 5 minuti alle ore 11 del giorno 7 giugno.
– Chiedere a tutte le radio e televisioni private di trasmettere un messaggio preceduto da due suoni di sirena o altro alle ore 12, in contemporanea.
– Chiedere ai due quotidiani di uscire con una pagina dedicata e con un adesivo, o una bandiera, o con la carta de responsabilidade generatzionale.
– Chiedere a tutte le autorità portuali, alle società di navigazione, alle associazioni di pescatori che alle ore 11 del giorno 7 suonino contemporaneamente le sirene.

ORGANIZZA IL COORDINAMENTO NONUCLE-NOSCORIE
Coordinamento NONUCLE-NOSCORIE – Tel. 3487815084 – 3477255895
Email nonucle@tiscali.it – comitatosardonoscorie@gamil.com

Santa Giusta 11-04-2015

NO SCORIE NUCLEARI

Parto da un dato di fatto incontrastabile.
La Sardegna non deve apparire nell’elenco delle regioni idonee ad ospitare il deposito unico dei rifiuti radioattivi e un impianto per lo smaltimento degli stessi.
Il Popolo Sardo ha espresso nel 2011 la “propria contrarietà all’installazione di siti per lo stoccaggio di scorie radioattive.”
Onorevole lo ricorda ?
Ritiene veramente che dobbiamo supini offrirci ancora una volta come capro espiatorio sull’altare di un ipotetico interesse nazionale ?
Potrà, ancora una volta, ” l’interesse nazionale ” costituire un limite all’autonomia delle Regioni?
Il Deposito è un impegno da cui non ci si potrà svincolare.
Io non mi fido di quello che può rappresentare in futuro un business di milioni di euro.
Pensate veramente di poterci convincere che smaltire quasi 100.000 mc di scorie nucleari sul nostro territorio non rappresenti un pericolo per la nostra terra?
Per la nostra salute.
Ci considerate ignoranti al punto tale da non capire a quale catastrofe irreparabile andremmo incontro?
Sieti così sicuri che siamo disposti a venderci per qualche falsa promessa e che il ricatto occupazionale sia ancora un asso vincente da tirare fuori al momento opportuno dalla vostra manica?
Deve ricredersi e fare i conti con un Popolo tenace, orgoglioso e fiero.
Il Popolo Sardo è consapevole della propria responsabilità generazionale.
Onorevole Meloni non ci proponga di arrivare alla frutta. Il Popolo Sardo non ha fame, il Popolo Sardo ha sete di giustizia e sovranità.

Bruno Flavio Martingano

In risposta all’articolo . http://www.marcomeloni.eu/2015/03/26/deposito-delle-scorie-nucleari-in-sardegna-stop-ai-ciarlatani/

 

QUARTUCCIU UN PRIMO NO ALLE SCORIE

Assieme ai Cittadini del Comune di Quartucciu abbiamo percorso un primo passo. Il cammino potrà essere difficile ed in salita, ma lo dobbiamo affrontare facendoci carico delle nostre 13.000 quote di responsabilità generazionale. La nostra proposta di ordine del giorno è stata accolta all’unanimità dal consiglio comunale. In allegato copia della delibera. DELIBERA NO SCORIE NUCLEARI

ABBIAMO GIA’ DETTO NO ALLE SCORIE NUCLEARI

Non c’è bisogno di petizioni on line o ulteriori raccolte firme.

IL POPOLO SARDO si è già espresso il 15 ed il 16 Maggio del 2011 Il 97% con 848.691 voti ha risposto sì al quesito semplice e chiaro:
« Sei contrario all’installazione in Sardegna di centrali nucleari e di siti per lo stoccaggio di scorie radioattive da esse residuate o preesistenti? »

Non vogliamo le scorie , costi quel che costi !!!

Buona Domenica a tutti, la petizione che gira in queste ore on line la interpreto come pura ” propaganda ad personam” .
Una volta raccolte le firme a chi le gira? A Renzi che le scorie le vorrebbe sistemare in Sardegna?
Col comitato NoNucle del quale faccio orgogliosamente parte dal 2010, abbiamo elaborato , condiviso ed inoltrato via pec agli uffici protocollo di tutti i comuni Sardi l’ordine del giorno da discutere ed approvare con delibera.
A Quartucciu abbiamo deliberato in tal senso Venerdì 20 MARZO 2015.
Ritengo corretto da Cittadini dare il proprio contributo esortando i sindaci e i consigli comunali a dichiarare il proprio comune denuclearizzato.
Metto a disposizione copia dell’ ordine del giorno che vuole essere solo un indirizzo di proposta, da adattare ciascuno per come ritiene più opportuno. 

http://civico5stelle.it/wp-content/uploads/2013/02/PROPOSTA-DI-DELIBERA-NO-SCORIE-IN-SARDEGNA.pdf

Grazie, Bruno Flavio Martingano